Sconto in fattura: solo per privati o anche per aziende?

8 Aprile 2021 | Incentivi

Molte realtà promuovono i propri servizi con l’opzione dello sconto in fattura, principalmente rivolgendosi ai privati, ma anche le aziende ne possono beneficiare.

L’articolo 121 D.L. 34/2020 ha introdotto la possibilità di godere delle agevolazioni fiscali sotto forma di credito di imposta cedibile oppure, direttamente, come sconto sul corrispettivo dovuto.

In parole povere, per tutta una serie di spese sostenute negli anni 2020/2021 e in relazione a determinati interventi, questo beneficio fiscale permette di godere subito di un sostanzioso ribasso in fattura.

L’entità dello sconto varia in relazione al tipo d’intervento ma si tratta sempre di un contributo sostanzioso: fino al 100%.

Sono già moltissimi coloro che hanno colto questa incredibile opportunità, in gran parte privati ma anche aziende.

Di quest’ultime si sente parlare molto in meno in relazione allo sconto in fattura, tanto da spingere queste realtà a chiedersi se l’art. 121 le comprende nel beneficio fiscale. Anche tu sei tra queste?

Devi sapere che lo sconto in fattura è previsto anche per le aziende e per gli stessi interventi stabiliti per i soggetti privati.

Se possiedi un’azienda e desideri approfondire lo sconto in fattura questo è il posto giusto. Faremo il punto sugli aspetti principali dell’art. 121 D.L. 34/2020, quindi metteremo il focus sugli interventi incentivati (e in quale misura), e soprattutto, vedremo in pochi semplici step come funziona lo sconto in fattura per le aziende.

Se pensi che queste informazioni possano fare al caso tuo mettiti comodo e continua la lettura di questo articolo.

↓ LEGGERE TI STANCA? GUARDA IL VIDEO! ↓

Cos’è lo sconto in fattura?

Come anticipato sopra, lo sconto in fattura è stato introdotto (o più esattamente “rintrodotto”) con l’articolo 121 del Decreto Rilancio 34/2020.

Questo prevede la possibilità per il contribuente di scegliere tra tre opzioni fiscali: la detrazione, sconto in fattura e la cessione del credito.

Trattasi di tre strade ugualmente percorribili, ognuna con i suoi pro e i suoi contro.

Di certo la cessione del credito e lo sconto in fattura offrono un grande vantaggio che la semplice detrazione fiscale è incapace di offrire: la possibilità di scontare una parte, o addirittura la totalità, del corrispettivo in fattura.

Quindi il contribuente anziché attendere 5 o 10 anni per recuperare l’incentivo, può godere subito dell’agevolazione fiscale.

Questo è possibile perché l’impresa che fornisce l’intervento si fa carico di anticipare al beneficiario, il contributo necessario per coprire le spese, avente diritto all’agevolazione fiscale. L’impresa a sua volta recupera il contributo anticipato sotto forma di credito d’imposta per un importo pari alla detrazione spettante, con facoltà di successiva cessione a terzi.

L’unico aspetto negativo dello sconto in fattura riguarda proprio la disponibilità de fornitori: per alcuni potrebbe rappresentare un immediato problema di liquidità e quindi potrebbero opporsi alla richiesta del committente.

Dunque, è sempre bene verificare la disponibilità del fornitore nell’offrire il servizio di sconto in fattura prima di procedere con l’intervento.

A quali lavori si può applicare lo sconto in fattura?

Lo sconto in fattura può essere applicato a molteplici lavori, o più esattamente, ai diversi incentivi previsti, ovvero:

  1. Bonus Ristrutturazione;
  2. Ecobonus;
  3. Superbonus 110%;
  4. Sismabonus;
  5. Bonus Facciata.

Sono esclusi dallo sconto in fattura il bonus mobili e il bonus verde, mentre sono previsti gli ulteriori interventi di:

  • installazione di impianti fotovoltaici di cui all’articolo 16-bis, comma 1, lettera h) del testo unico delle imposte sui redditi di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, ivi compresi gli interventi di cui ai commi 5 e 6 dell’articolo 119 del presente decreto;
  • installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici di cui all’articolo 16-ter del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90, e di cui al comma 8 dell’articolo 119.

Come funziona lo sconto in fattura per le aziende?

Riassumendo quanto detto, lo sconto in fattura rappresenta la possibilità per privati ed aziende di fruire del credito d’imposta attraverso una decurtazione dell’importo della fattura da pagare al fornitore appunto sotto forma di sconto.

Tale ribasso può variare raggiungere fino il 100% dell’ammontare da corrispondere (questo nel caso del Superbonus dove la maggiorazione del 10% spetta al fornitore).

Il fornitore a sua volta recupera il contributo anticipato sotto forma di credito d’imposta, con la possibilità di cedere tale credito infinite volte.

Per quanto concerne in particolare il Superbonus 110%, la circolare 24/E/2020 ha confermato che lo sconto può essere parziale e il credito maturato dal fornitore per i lavori del Superbonus è pari al 110% dell’importo ribassato. L’importo eccedente, a scelta del beneficiario, sempre maggiorato del 10%, può essere detratto o ceduto.

Ma avvaliamoci di un esempio per capire meglio.

L’azienda beneficiaria sostiene 30.000,00 € di spesa relativa all’intervento di efficienza energetica di cui il 65% viene incentivato dall’Ecobonus.

Il fornitore dell’intervento applica in fattura lo sconto pari al 65%, ovvero di 19.500,00 €, quindi all’azienda beneficiaria resta da pagare 10.500,00 € + Iva al 22% (6.600,00 €) poiché questa per le aziende è detraibile e come tale viene esclusa dall’incentivo.

L‘azienda beneficiaria dell‘intervento potrà quindi procedere al pagamento nella modalità che preferisce. Il nostro consiglio è quello di prediligere il bonifico, citando il decreto legislativo 296/2006 e riportando i codici fiscali del beneficiario e del fornitore.

Sconto in fattura di RiESCo

RiESCo è la Energy Service Company (ESCo), specialista in efficienza energetica e negli incentivi dedicati, come Ecobonus, Superbonus 110%, Certificati Bianchi, Conto Termico 2.0 e Credito d’Imposta per il Mezzogiorno.

Come molti oggi, offriamo il servizio di sconto in fattura ma ci differenziamo sotto un unico aspetto: operiamo sempre liberando il cliente da ogni tipo di rischio economico, finanziario e di funzionamento, trasferendolo su di noi.

Per questa ragione abbiamo consolidato una forte esperienza nel settore dell’efficienza energetica e dei relativi incentivi, vantando ad oggi, il 100% di esiti positivi delle pratiche.

Se pensi che possediamo le caratteristiche che fanno al caso, noi ci siamo!

  • Giacomo ha detto:

    Salve io sono sono un artigiano posso fare lo sconto in fattura del 50 per lavori edili a un’agenzia funebre su un suo stabile?
    Grazie tanto

    • RiESCo Srl ha detto:

      Il credito di imposta per il lavori di ristrutturazione è ammesso solo per appartamenti (classe catastale a2-a7) e solo per persone fisiche.
      L’agenzia funebre (partita IVA) non può avere il credito di imposta per lavori di ristrutturazione
      Può accedere al 50%-65% del Credito di Imposta per Ecobonus (sostituzione generatore calore, infissi etc)

  • Alessio ha detto:

    Salve,sono un privato e volevo capire,se posso chiedere lo sconto in fattura. Grazie buona serata

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buona sera Alessio
      Certo lo sconto in fattura lo possono avere i privati per l’Ecobonus 50% o 65% o per il Bonus Casa 50% o per il Bonus Facciate 90% o per il Superbonus 110%
      Lo possono avere anche le Aziende per l’Ecobonus 50-65%

  • iuri ha detto:

    buongiorno…i lavori per sostituzione tenda ad un negozio pertanto in regime di partita iva applicando lo sconto in fattura del 50% si intende iva esclusa anche il massimo di spesa di 230 al mq? e come funziona con la cessione del credito come viene gestito la restante iva della fattura?

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buona sera Iuri
      Si Iuri, per i soggetti IVA, l’importo dell’IVA è escluso dall’incentivo.
      Se la fattura è 1.000 + IVA (22%) chi le fa la fornitura in opera, compreso installazione, deve emettere fattura di 1.000,00 + 220,00 = 1.220,00 €
      Sconto in fattura di 500,00 € (50%)
      Pagamento netto 500,00 € + 220,00 € = 720,00 €

  • Isabella Dipietrantonio ha detto:

    Buongiorno sto ristrurando un negozio ,pavimenti ,impianto elettrico ,demolizione vecchio arredamento interno del negozio, bagni ,tende estene , attrezzature cucina e arredi sala,attivita ristorante ,posso usufruire dello sconto in fattura?grazie.

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Isabella.
      I lavori interni di ristrutturazione sono agevolati solo nel caso di abitazione non di lusso, realizzati da persona fisica.
      Nessun bonus fiscale è previsto per le attività IVA.
      Solo le tende, se il locale è riscaldato e se l’esposizione è tra da Sud-Est a Sud-Ovest, rientrano nell’Eco-Bonus con la percentuale del 50%.

  • Dario ha detto:

    Salve possiedo una partita Iva forfettaria posso eseguire dei lavori edili facendo sconto in fattura?

  • angela ha detto:

    salve, nel caso dell’Ecobonus di un detentore di partita iva, titolare di reddito d’impresa che chiede lo sconto in fattura, l’iva sarà tutta al 22%?
    e l’importo che cederà al suo fornitore per lo sconto sarà comprensivo di iva?

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Angela.
      Nel caso di una partita IVA l’aliquota IVA è al 22% eccetto per quei lavori che prevedono esplicitamente l’IVA al 10% (es. il Solare Termico per acqua calda).
      Se l’IVA è un costo per il beneficiario, anche se detentore di partita IVA (es. dentisti, assicurazioni etc) allora l’incentivo si calcola anche sull’IVA e anche quella quota può far parte dello sconto in fattura.

  • Elisabetta ha detto:

    Buongiorno,
    come ditta SRLS di ‘commercio all’ingrosso di infissi’, dei quali dicono di poter procedere occasionalmente anche all’installazione,
    possono emettere fattura con lo sconto a un privato per fornitura + installazione infissi?
    Inoltre, dovrebbero emettere lo sconto al 50% come bonus ristrutturazioni o come ecobonus?
    Grazie mille

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Elisabetta.
      Non mi risulta che ci siano limitazioni in merito. L’importante che la fattura sia di vendita con installazione compresa, in modo che sia certificato che il prodotto è stato installato nel suo immobile.
      Può essere sfruttato indifferentemente uno dei due tipi di incentivi, Eco Bonus o Bonus casa, entrambi al 50%. In entrambi i casi la pratica deve essere caricata sul portale ENEA e soddisfare i requisiti termici.

  • Stefano ha detto:

    Buonasera,
    Volevo approfittare della Vs professionalità per sapere cm muovermi nel mondo dei bonus,ecobonus,sconti in fattura etc..
    Ho una società, SRLS che si occupa di ristorazione, ho acquisito( in affitto)un nuovo locale dv realizzare un B&B.
    Trattasi di un appartamento inserito in un edificio dei primi decenni del 900 dv attualmente è presente un sistema di riscaldamento tradizionale con caldaia e radiatori in ghisa.
    Di seguito Le elenco i lavori che ci saranno da fare,escluso la pavimentazione in quanto la proprietà vuole mantenerla originale.
    – cado/freddo tramite sistema VRVad alta efficienza
    – impianto elettrico
    – impianto idrico
    – impianto sistema solare forzato
    – rifacimento bagni
    – demolizione e rifacimento pareti interne
    – sostituzione infissi vecchi ,vetri e persiane con nuovi modelli alta classe isolamento
    – interventi di riqualificazione sulla facciata anteriore fronte strada e posteriore con relativi balconi
    – arredamenti interni,mobili letti,TV,sistema illuminazione interno ed esterno,sistema di videosorveglianza,computer.
    – cucina per colazioni
    So che l argomento è vasto..
    Grazie mille

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Stefano
      Per i tipi di incentivo: Bonus Casa, Eco Bonus, Conto termico 2.0 etc dipende anche dalle destinazioni dell’immobile, dal tipo di possesso/proprietà (se P.IVA o Persona Fisica) etc.
      In linea di principio può accedere a tutti gli incentivi del Ecobonus 50-65%
      1° Caldo/freddo con PdC VRV e parte Impianto elettrico di competenza (65% della spesa max 30k€ incentivo)
      2° Impianto solare termico a circ. forzata (65% della spesa max 60k€)
      3° Sostituzione infissi e oscuranti (50% spesa, max 60k€)
      Se in zona B e visibile dalla strada, fino al 31/12/2021, al bonus facciate
      Per quanto concerne il resto (Imp. Elettrico, Idraulico, Bagni, Pareti) se restasse appartamento ad uso privato è certo che può accedere al Bonus Casa (50% spesa, max ammessa 96k€ e 48k€ incentivo)
      Se lo trasforma in B&B, quindi attività produttiva, qualche dubbio sorge. Bisogna fare una ricerca su circolari e note dell’Agenzia delle Entrate

  • Francesco Roperti ha detto:

    Salve, sto per ristrutturare un immobile da adibire ad agriturismo di quale incentivi posso usufruire?
    L’azienda si trova in Calabria .
    Grazie

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Francesco.
      Di certo, se immobile riscaldato con impianto termico fisso, può sfruttare gli incentivi Ecobonus 50%-65 etc e Conto Termico 2.0
      Poi altri incentivi, come Bonus Casa 50% dipendono da tipo di accatastamento, chi è il proprietario (se P.IVA o persona), che tipi di lavori intende fare etc

  • marianna ha detto:

    Buongiorno,
    siamo una ditta di installazione caldaie/climatizzatori.
    Dovremmo fatturare un lavoro di fornitura ed installazione impianto climatizzazione ad una ditta che ha paertoun negozio in un locale in affitto.
    Possono usufruire dello sconto in fattura per Ecobonus?
    Se si l’importo complessivo fosse es.10.000 + iva, loro dovranno pagare tramite bonifico il 35%+ tutta l’iva quindi 3500+2200 e dovranno cedere i 6500 netti, giusto?
    Questa differenza va esplicitata nella fattura?
    Grazie

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Marianna
      Il cliente può usufruire dello sconto in fattura per la climatizzazione nel negozio a condizione che il suo negozio disponesse già di un impianto termico (primario) e voi sostituite sostituite quello.
      Ad esempio se ha caldaia e split e voi sostituite gli split, il Cliente può accedere al 65% dell’Ecobonus se viene tolta anche la caldaia (impianto primario), altrimenti no.
      Se è partita IVA (come mi sembra di capire) e per il Cliente l’IVA è detraibile, allora il Credito di Imposta (e lo sconto in fattura) va calcolato solo sull’imponibile.
      Come ha calcolato lei, quindi, il Cliente pagherà 3.500€ (saldo imponibile) più tutta l’IVA al 22% (2.200€).
      Essendo una Partita IVA la modalità e i tempi di pagamento del saldo sono ininfluenti ai fini dell’accesso all’Ecobonus.
      In fattura deve esplicitare solo che 6.500€ sono una forma di pagamento e li sconta dal totale fattura.

  • Linda ha detto:

    Salve,
    La mia azienda straniera / Unione Europea/ /Srl/ ha comprato un appartamento in un edificio. Adesso abbiamo deciso di rifare l’ascensore e la facciata. L’azienda può ottenere lo sconto in fattura come tutti altri condomini?
    Grazie per la risposta.
    Cordiali saluti

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Linda.
      Per quanto concerne la facciata si, in quanto al beneficio può accedere anche l’azienda che ha anche redditi diversi oltre che quelli assoggettati a tassazione separata o a imposta sostitutiva.
      Per quanto concerne l’ascensore non so dirle, ma credo di no, perché la detrazione è riservata a persone fisiche per immobili residenziali.

  • rosaria ha detto:

    sono una srl che opera nel settore della pubblicità, sto ristrutturando un immobile locato. Non mi spetta il 50% per la ristrutturazione ma solo il 65% per le opere di efficientamento energetico. La ditta appaltatrice mi dice che a tutte le opere si applicano in reverge charge corretto?

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Rosaria . Si in molti casi si applica il Reverse Charge. Dipende anche dal Codice ATECO dell’impiantista. Spesso è con il Reverse Charge.

  • martina ha detto:

    buongiorno,
    sono impresa che ha sostituito una caldaia presso un cliente titolare di partita iva.
    la fattura deve essere emessa con:
    – calcolo dei beni significativi?
    – iva al 22%?
    – reverse charge art 17 c.6 lettera a-ter?

    Inoltre nella fattura applicherò lo sconto in fattura al 65%… ma devo applicarlo anche all’iva oppure solo sull’imponibile?
    Ovviamente decade la domanda sopra esposta se applico il reverse charge.

    grazie

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buona sera Martina, mi scuso del ritardo
      Se il Cliente è Partita IVA, l’aliquota è tutta ordinaria, al 22%, non serve distinguere l’importo dei beni significativi.
      Deve applicare o meno il Reverse Charge a seconda del suo codice ATECO …
      Lo sconto del 65% dipende se per il Cliente l’IVA è deducibile o è un costo. nel primo caso il 65% solo sull’imponibile, nel secondo caso anche sull’IVA

  • lorenzo ha detto:

    salve,
    sono una srl di impiantistica elettrica e sto per installare un fotovoltaico sul tetto di un fabbricato industriale di un’altra srl; posso applicare lo sconto del 50%?

    grazie
    Lorenzo

  • Francesco ha detto:

    nella Guida citata alla pag. 3 art. 1.1.2 “Chi può usufruirne” riporta:
    proprietari o nudi proprietari
     titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
     locatari o comodatari
     soci di cooperative divise e indivise
     imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o
    merce
     soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata
    (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi
    equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori
    individuali.
    Nell’ultima voce sembra di intravedere la possibilità di detrazione e quindi sconto in fattura anche per le imprese. Sbaglio?

    Grazie.
    Francesco

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buona sera Francesco.
      Si per il credito di imposta e lo sconto in fattura di: Ecobonus, Sismabonus e Superbonus (parte trainante in edifici a prevalenza residenziale) possono usufruirne anche le Partite IVA, quindi le imprese.

  • martina ha detto:

    Salve, ho un’attività di ristorazione posso richiedere lo sconto in fattura per la fornitura ed installazione dei climattizzatori? inoltre essendo titolare di partita iva, posso applicare dell’articolo 17 c.6 lettera ater dpr 633/72 per l’iva.

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Martina.
      Anche le Partite IVA possono usufruire dello Sconto in Fattura previsto per le pratiche Eco Bonus 50% o 65%, solo sull’importo Imponibile.
      I requisiti sono gli stessi per i Privati, quindi l’incentivo è ammesso se il nuovo climatizzatore a Pompa di Calore è “la sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernali con impianti dotati di pompa di calore ad alta efficienza, anche con sistemi geotermici a bassa entalpia”
      L’applicazione del Reverse Charge oltre dal fatto che lei sia Partita IVA dipende anche da Codice ATECO del suo fornitore

  • martina ha detto:

    salve,
    sono titolare di partita iva con attività di ristorazione, posso accedere allo sconto in fattura 65% per l’installazione di climatizzatori?
    inoltre posso usufruire dell’inversione contabile art 17. c6 lettera ater dps633/72 per l’iva?

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Martina.
      Anche le Partite IVA possono usufruire dello Sconto in Fattura previsto per le pratiche Eco Bonus 50% o 65%, solo sull’importo Imponibile.
      I requisiti sono gli stessi per i Privati, quindi l’incentivo è ammesso se il nuovo climatizzatore a Pompa di Calore è “la sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernali con impianti dotati di pompa di calore ad alta efficienza, anche con sistemi geotermici a bassa
      entalpia”

  • paolo ha detto:

    Buonasera,
    la mia società di persone (s.a.s.) é locatario di un negozio, desidero cambiare gli infissi, (due vetrine e due finestre) perchè tanti fornitori di serramenti mi dicono che non possono farmi lo sconto in fattura?
    paolo

  • Angelo ha detto:

    Buongiorno,sono un privato e ho acquistato casa. Ho aperto una SCIA di ristrutturazione ed ora sto comprando tutto in una grossa ferramenta del mio paese ( mattonelle sanitari cemento ferro di tutto e di più ) e mi sta applicando lo sconto in fattura del 50% lo possiamo fare o sto sbagliando in qualche cosa ?

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buona sera Angelo.
      Molti rivenditori stanno applicando lo sconto in fattura sulla vendita dei prodotti.
      Noi abbiamo avuto sempre il dubbio che lo potessero fare, perché i venditori sono impossibilitati a certificare che i prodotti venduti vengano poi installati nell’Unità Immobiliare che gode del diritto al Credito di Imposta e che siano soddisfatti tutti i requisiti richiesti. Sappiamo però che molti lo fanno e, forse, fino al 11 novembre andava bene.
      Con l’entrata in vigore del DL 157/2021 “Antifrode”, dal 12 novembre serve la conformità fiscale e l’asseverazione di un tecnico che asseveri che i lavori sono stati eseguiti, che i prezzi siano conformi ai prezziari ufficiali etc.
      Che dirle? …

  • ARMANDO ha detto:

    Salve,
    siamo una SRL che ha in concessione un bene demaniale (stabilimento balneare, categoria D8). Stiamo ristrutturando l’immobile e dobbiamo sostituire degli infissi della sala ristorante e delle camere, possiamo usufruire dell’Eco Bonus e dello sconto in fattura?
    Grazie
    Armando

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buona sera Armando (stesso nome di mio padre)
      Come dico nell’articolo, anche le persone giuridiche hanno diritto all’ ECO BONUS, con il Credito di Imposta del 50% o 65% a seconda del tipo di intervento (Infissi 50%).
      Requisito essenziale che l’immobile sia riscaldato con Impianto Termico fisso (vedi D.lgs. 48/2020)
      E’ uscito il Decreto Legge 6 novembre 2021 n. 152, che prevede il cosiddetto Superbonus Alberghi 80%, che dovrebbe valere anche per gli stabilimenti balneari. E’ particolare, forse difficile da prendere, ma chissà?

  • antonio visone ha detto:

    Buona sera. Sono Antonio.
    Ho una mia cliente che vorrebbe fare dei lavori con sconto in fattura e cedere il credito alla mia impresa, per il suo piccolo immobile con categoria C 1. Può usufruire di questo sconto e successiva cessione o non essendo una categoria A , purtroppo non ne può usufruire.
    Grazie per la disponibilità.

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buona sera Antonio. A che tipo di lavori si riferisce?
      Se sono lavori di ristrutturazione no, se sono lavori di efficienza energetica si. L’Ecobonus 50% o 65% è riconosciuto per tutte le categorie catastali.

  • luca ha detto:

    Buongiorno,
    sono titolare di una SRL immobiliare, ho realizzato anni fa un palazzo da 14 appartamenti, 6 venduti, 6 in affitto e 2 liberi. 8 di questi sono sempre di nostra proprietà.

    In questo caso, il palazzo qualifica per il superbonus? io come azienda posso usufruire degli sconti in fattura per i 2 liberi?
    -per gli 8 in affitto si tratta di contratti registrati, ed hanno dato la loro disponibilità ad intestare le pratiche per la ristrutturazione e cessione dei crediti

    cordiali saluti,
    Luca Convertino

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buona sera Luca. Si per la parte dei lavori trainanti, anche la società ha diritto a usufruire delSuper Bonus 110% e dello sconto in fattura. Non per i lavori trainanti. La soluzione per questi è affittarli e farlo fare al locatario.

  • Silvana ha detto:

    Buongiorno, sono titolare di una S.r.l., posso usufruire dello sconto in fattura del 50% per l’istallazione di un impianto di videosorveglianza.

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Silvana …
      Una azienda può usufruire dello sconto in fattura solo per lavori di efficienza energetica e energie rinnovabili previsti dall’ Eco Bonus 50%-65% come Caldaie a condensazione, Cappotto, Pompe di calore, etc.
      Gli impianti di videosorveglianza sono esclusi

  • luca ha detto:

    buona sera,
    sono un artigiano,
    anche le PI agricole come allevatori, imprenditore agricolo etc. regolarmente iscritte posso avere lo sconto in fattura?

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Luca.
      Certo, per lavori di Efficienza Energetica incentivati dal Eco Bonus e/o nel Conto Termico, può avere lo sconto in fattura.
      Per lavori di ristrutturazione edilizia (Bonus Casa 50%) ‘incentivo (quindi anche lo sconto in fattura) è riservato solo alle abitazioni e solo alle persone fisiche.

  • Lorenzo ha detto:

    Buongiorno,
    Sono amministratore di una srl immobiliare e costruzioni, sto frazionato un appartamento dal quale ricovero due unità abitative categoria a2 e mi sono rivolto ad una impresa alla quale ho appaltato i lavori.
    Posso usufruire dello sconto in fattura per gli interventi relativi all’ecobonus e infissi?

    Grazie per la risposta

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Lorenzo.
      Per me, come società ha diritto a usufruire dell’ Eco Bonus (e relativo sconto in Fattura) per tutti i lavori previsti di efficienza energetica.
      Poiché i soggetti ammessi al credito di imposta (quindi neanche dello sconto in fattura) del Bonus Casa per ristrutturazioni, sono solo quelli soggetti a IRPEF (vedi punto 1.1.2 delle linee guida Bonus ristrutturazioni Agenzia delle Entrate) come società non ha diritto a questo incentivo.
      Per quanto concerne l’Eco Bonus, inoltre, quel che conta è il numero delle U.I. ante interventi, quindi i massimali sono riferiti ad una unità immobiliare e non due. Inoltre, per quanto concerne l’impianto termico, l’incentivo è ammesso solo se l’impianto rimane uno e non suddiviso in due autonomi (vedi Linee guida AdE per il Risparmio Energetico, pag 16 nota in giallo, che recita: “È esclusa dall’agevolazione la trasformazione dell’impianto di climatizzazione invernale da centralizzato a individuale o autonomo.”)

  • antonio ha detto:

    salve dovrei ristrutturare il mio negozio di calzature….pavimento arredamento impianto elettrico e climatizzazione. vorrei sapere se l’azienda che mi sta facendo il progetto del negozio con relativa installazione può farmi lo sconto in fattura.
    Grazie. Antonio

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon gioro Antonio
      Il Bonus Casa (50%) per i lavori di ristrutturazione (Pavimento, impianto elettrico, etc) il credito di imposta è riconosciuto solo alle abitazioni e alle persone fisiche. Quindi anche lo sconto in fattura, lei non può usufruirne.
      L’ Eco Bonus, se i locali sono già riscaldati, invece, può usufruirne anche per altri usi degli immobili, ed anche le aziende e le Partite IVA.
      Di conseguenza Per la climatizzazione, può usufruire dello sconto in fattura del 50% o 65%, a seconda dei casi

  • federica sergi ha detto:

    Buongiorno,
    Devo ristrutturare il mio appartamento e mi sono affidata ad un’impresa per i lavori dove mi faranno usufruire dello sconto in fattura. Per lacquisto dei materiali vorrei capire se esiste una differenza se la fattura viene intestata a me oppure all’impresa nell’usufruire lo sconto in fattura
    Grazie Federica

  • alessandro ha detto:

    Buongiorno,
    sono un privato, sto aspettando che comincino i lavori di ristrutturazione del ecobonus110 % con sconto in fattura presso la mia abitazione, l’ azienda sostiene che la sostituzione del sistema di climatizzazione ora esistente (macchina esterna piu 4 split interni con pompa di calore) non rientri nei termini contrattuali del 110.
    Hanno ragione?
    Eventualmente posso trovare una seconda azienda che mi può fare la lavorazione ed rientrare nel 110 o nel 50?
    Grazie.

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Alessandro.
      Dipende dall’Impianto Termico PRIMARIO pre-esistente. Se i 4 split interni e la Pompa di Calore esterna sono l’unico impianto Termico, allora ha diritto al Super Bonus 110% anche per la loro sistemazione. Al contrario se sono un impianto aggiuntivo, ed ha già un impianto termico (es. caldaia e termosifoni) allora per aver diritto al 100% per la nuova pompa di calore, deve rimuovere la vecchia caldaia e termosifoni, oltre agli split vecchi.
      Diversamente, per la nuova pompa di calore può richiedere il Bonus Casa al 50%

  • MICHELE ha detto:

    Buongiorno, ho una ditta di installazione impianti elettrici ed idraulici, condizionamento ecc, in regola con tutte le normative f-gas ecc.
    Per un mio cliente che possiede un negozio dovrei installare dei condizionatori in pompa di calore.
    Possono usufruire dello sconto in fattura ?
    Grazie

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Michele
      Se le pompe di calore sono in sostituzione dell’impianto termico pre-esistente, si può usufruire del Ecobonus 65% o del Conto Termico fino al 65%.
      Diversamente, se è una nuova installazione, no.
      Rientra tra le ristrutturazioni ma il Bonus Casa è riservato solo alle abitazioni possedute da persone fisiche.

  • Ernesto ha detto:

    Buongiorno. Posso installare un fotovoltaico con sconto in fattura usufruendo dello sconto in fattura su un immobile artigianale?

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Ernesto.
      L’incentivo per impianto fotovoltaico rientra nel Bonus Casa (Ristrutturazioni), con massimale di spesa di 96.000€.
      Il Bonus Casa è riconosciuto solo alle Persone Fisiche (no P. IVA) e solo per le Unità Immobiliari a destinazione residenziale.
      Quindi nel caso esposto non ci rientra.

  • Eco Massa Srl ha detto:

    Buongiorno, come funziona lo sconto in fattura per le società di persone (Sas,snc)? Devono pagare interamente l’ iva? Posso avere un esempio. Grazie

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Eco Massa Srl.
      Si per i soggetti IVA, comprese le società di persone, lo sconto in fattura è calcolato e applicato solo sull’imponibile, mentre l’IVA va pagata per l’intero importo.
      Ecco l’esempio:
      Imponibile 10.000,00 € con IVA 22% (2.200,00 €) per il totale lordo di 12.200,00 €
      Sconto in fattura del 50% x 10.000,00 € = 5.000,00€
      Netto da pagare 12.200,00 – 5.000,00 € = 7.200,00 €

  • bruno rac ha detto:

    Buongiorno. Ho un locale C1 accatastato quindi come locale commerciale. Non ho partita iva in quanto sono dipendente. Vorrei ristrutturare questo locale di 24 mq per poi affittarlo. Quali bonus posso usufruire da privato? Saluti Bruno

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Bruno.
      Solo se il locale è già dotato di impianto termico di riscaldamento invernale, può accedere a tutti gli incentivi per l’Eco Bonus (sostituzione riscaldamento, Infissi, Cappotto, Solare termico etc) …
      Non può accedere agli incentivi del Bonus Casa, per la ristrutturazione, appunto perché non è una casa, cioè non ha destinazione residenziale!

  • Francesco ha detto:

    Buongiorno,

    Chiedo cortesemente; può un a Società Sas avere lo sconto in fattura del 50% sull’installazione di impianto fotovoltaico e colonnina di rifornimento auto elettrica?
    Stessa domanda se il cliente è un imprenditore con ditta individuale.

    Grazie anticipatamente

    Saluti

    Francesco

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Francesco
      Il Credito d’Imposta per l’impianto Fotovoltaico, che può essere oggetto dello sconto in fattura, è conseguente al Bonus Casa, riservato solo alle Residenze e alle Persone Fisiche.
      Pertanto tale incentivo è inibito alle Partite IVA, società o ditte individuali.
      Per quanto concerne le Colonnine di ricarica, c’è un altro incentivo, il 40% della spesa ammissibile, tramite erogazione gestito da INVITALIA (MiTE)

  • tiziano ha detto:

    Buonasera,
    una srl mia cliente vuole che installi sul proprio capannone un impianto fotovoltaico usufruendo dello sconto in fattura del 50%. Posso effettuare tale sconto? Grazie

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Tiziano.
      Il termine “capannone” mi fa pensare ad attività produttiva, quindi il locale è accatastato diversamente da residenza e il cliente è una partita IVA.
      l’incentivo del 50% del Bonus Casa è accessibile solo per le Unità Immobiliari ad uso residenziale (classe catastale A) possedute da persone fisiche.
      Quindi la sua Cliente SRL non può avere l’incentivo e lei non può applicare lo sconto in fattura.

  • PIETRO ha detto:

    salve mio figlio deve ristruttuare appartamento i lavori edili riguardo la manodopera li vorrebbe eseguire lui e chiedere solo lo sconto in fattura dei materiali che i negozianti eseguono . può chiedere lo sconto in fattura e cosa presentare ,(cila inizio lavori ecc )?

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Pietro
      So che molti fornitori effettuano lo sconto in fattura anche senza la posa in opera, quindi è possibile che lo facciano e che sia tutto in regola..
      Il mio modesto parere è che per farlo, soprattutto per beni che necessitano di certificazione legate alla loro effettiva installazione, può farlo solo il fornitore chi si occupa anche di dell’installazione in opera.
      Diversamente come può il semplice venditore certificare che quel bene (esempio infisso o mattonelle) è stato installato nell’appartamento di tizio anziché nel negozio o nell’ufficio di una Partita IVA (Immobile e cliente che non hanno il diritto al Bonus Casa) e che i lavori totali ammontino a meno di 10.000,00€ (per i quali serve l’asseverazione di un tecnico per il computo metrico e la congruità dei prezzi).
      Diverso è se il credito di imposta lo fa direttamente suo figlio, allora è lui che certifica il tutto. Poi il suo credito lo può cedere anche al fornitore o alla banca.
      Ma questo è il mio umile parere

  • Riccardo ha detto:

    Buongiorno: Dovrei istallare un climatizzatore dual nel mio negozio, sostituendo il vecchio impianto di riscalmento a caldai a gas con i soliti radiatori. Come P.iva posso ussufruire del sconto in fattura al momento dell’acquisto ?

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Riccardo
      Il suo caso è analogo a tanti altri, sia soggetti IRES sia IRPEF ..
      Chieda preventivi a fornitori/installatori che applicano lo sconto in fattura, penseranno a tutto loro.

  • Paolo ha detto:

    Una società semplice ha diritto al 60% x rifacimento facciate?

  • Ivo Pasqualini ha detto:

    Buongiorno,
    sono un ristoratore e vorrei cambiare le due caldaie usufruendo dello sconto in fattura. L’immobile non è di proprietà ma sono in affitto. La spesa è di €6.000
    Posso otterrai queste agevolazioni o altro oppure no?
    Nel caso positivo quale norma di legge posso prendere come riferimento?
    Grazie
    Ivo

  • Luisa ha detto:

    Buongiorno, la ditta che seguo (installazioni caldaie) dovrebbe sostituire una caldaia ad un immobile di categoria B1 di proprietà di una Parrocchia con solo codice fiscale. Si può applicare lo sconto in fattura e in che modalità? E l’IVA da applicare sarà il 22%? Grazie

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Luisa
      Solo per le manutenzioni straordinarie ad abitazioni appartenenti a persone fisiche è ammessa l’IVA ridotta del 10%, alle altre Unità Immobiliari l’IVA è del 22%.
      Per quanto concerne il requisito catastale l’incentivo è riconosciuto per: “unità immobiliari e su edifici (o su parti di edifici) esistenti, di qualunque categoria
      catastale”
      quindi anche il B1 (Convitto o simili)
      Altro requisito al credito di imposta (quindi allo sconto in fattura) è che “il soggetto sia un contribuente, e che sull’immobile siano pagate regolarmente le tasse“.
      Quindi se la Parrocchia è un contribuente che paga le tasse sull’immobile B1 allora ha diritto allo sconto in fattura
      intervento

  • Giuseppe ha detto:

    Buongiorno,
    siamo una newco srl che opererà in termini di “comunità energetica”. Dovremmo acquistare un cogeneratore entro i 100kwh a biomasse vegetali. E’ possibile agevolarlo con qualche bonus? E’ possibile cedere il credito d’imposta o lo sconto in fattura immediatamente all’acquisto?
    Grazie

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Giuseppe.
      Se il cogeneratore è in sostituzione di un generatore, può usufruire dell’ecobonus.
      Se è solo per la comunità energetica, può usufruire dei Certificati Bianchi CAR, ed è a biomassa, può usufruire dei certificati bianchi ordinari

  • Cosimo ha detto:

    Salve,
    sono titolare di un’azienda agricola e ho una stalla con annesso fienile con copertura in eternit. Posso usufruire dello sconto in fattura al 65% per lo smaltimento e sostituzione dell’eternit con lamiere coibentate?
    Grazie

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Cosimo.
      Se la stalla è riscaldata con impianto termico (Legna, Gas, Gasolio etc) si può usufruire dello sconto in fattura per la sostituzione dell’eternit con pannelli coibentati che soddisfano i requisiti termici della norma.
      Solo se c’è un generatore termico che scalda la stalla, altrimenti no.

  • SHPETIM ha detto:

    Buon giorno,
    io sono titolare di un impresa individuale edile.
    volevo chiedere se posso applicare lo sconto in fattura (110%)su un immobile di mia proprietà (prima casa ed e considerata mini condominio due appartamenti 2 numeri civici ecc.) ringrazio in anticipo

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Shpetim.
      La norma non lo vieta …
      Va approfondita la modalità e poi cosa ne fa del Credito.
      Se lo cede ad una Banca, bisogna verificare, prima, cosa ne pensano loro.

  • Niklas Coen ha detto:

    Buongiorno sono un consulente di fotovoltaico. Ho un paio di aziende agricole che vorrebbero installare un impianto da 20 kW sui loro edifici. Possono usufruire del bonus 50% su questo tipo di investimento (o con sconto in fattura o cedendo il loro credito alla banca)?

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Niklas, possono usufruire del credito di imposta del 50% solo i privati nelle installazioni nelle residenze.
      Le aziende agricole, fino al 27 ottobre possono presentare la richiesta di contributo sull’agrisolare

  • Katia ha detto:

    Salve, sono una Azienda Agricola individuale, posso usufruire dello sconto in fattura del 50% per impianto fotovoltaico a tetto ?? Grazie

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Katia …
      Il credito di imposta Bonus Casa per Fotovoltaico è riconosciuto solo per il privato che lo installa nell’Unità residenziale.
      Per il suo caso, fino al 27 ottobre può partecipare al bando dell’Agrisolare che le riconosce il 40% sull’investimento e su altre spese.

  • Stefano ha detto:

    devo sostituire un condizionatore del 2003 con climatizzatore di ultima generazione. l’appartamento in questione è accatastato come ufficio. Posso beneficiare di qualche agevolazione?

    • RiESCo Srl ha detto:

      Buon giorno Stefano
      Se il condizionatore è l’impianto primario di riscaldamento (invernale) dell’Unità Immobiliare, allora può accedere sia all’Ecobonus (Credito d’imposta 65% della spesa in 10 anni, con possibilità di Sconto in Fattura dal Fornitore) o il Conto Termico 2.0 (fino al 65% della spesa)
      Se invece il riscaldamento è assicurato da una caldaia o altro, allora non ci risulta ci siano incentivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share This