Sconto in fattura: solo per privati o anche per aziende?

8 Aprile 2021 | Incentivi

Molte realtà promuovono i propri servizi con l’opzione dello sconto in fattura, principalmente rivolgendosi ai privati, ma anche le aziende ne possono beneficiare.

L’articolo 121 D.L. 34/2020 ha introdotto la possibilità di godere delle agevolazioni fiscali sotto forma di credito di imposta cedibile oppure, direttamente, come sconto sul corrispettivo dovuto.

In parole povere, per tutta una serie di spese sostenute negli anni 2020/2021 e in relazione a determinati interventi, questo beneficio fiscale permette di godere subito di un sostanzioso ribasso in fattura.

L’entità dello sconto varia in relazione al tipo d’intervento ma si tratta sempre di un contributo sostanzioso: fino al 100%.

Sono già moltissimi coloro che hanno colto questa incredibile opportunità, in gran parte privati ma anche aziende.

Di quest’ultime si sente parlare molto in meno in relazione allo sconto in fattura, tanto da spingere queste realtà a chiedersi se l’art. 121 le comprende nel beneficio fiscale. Anche tu sei tra queste?

Devi sapere che lo sconto in fattura è previsto anche per le aziende e per gli stessi interventi stabiliti per i soggetti privati.

Se possiedi un’azienda e desideri approfondire lo sconto in fattura questo è il posto giusto. Faremo il punto sugli aspetti principali dell’art. 121 D.L. 34/2020, quindi metteremo il focus sugli interventi incentivati (e in quale misura), e soprattutto, vedremo in pochi semplici step come funziona lo sconto in fattura per le aziende.

Se pensi che queste informazioni possano fare al caso tuo mettiti comodo e continua la lettura di questo articolo.

↓ LEGGERE TI STANCA? GUARDA IL VIDEO! ↓

Cos’è lo sconto in fattura?

Come anticipato sopra, lo sconto in fattura è stato introdotto (o più esattamente “rintrodotto”) con l’articolo 121 del Decreto Rilancio 34/2020.

Questo prevede la possibilità per il contribuente di scegliere tra tre opzioni fiscali: la detrazione, sconto in fattura e la cessione del credito.

Trattasi di tre strade ugualmente percorribili, ognuna con i suoi pro e i suoi contro.

Di certo la cessione del credito e lo sconto in fattura offrono un grande vantaggio che la semplice detrazione fiscale è incapace di offrire: la possibilità di scontare una parte, o addirittura la totalità, del corrispettivo in fattura.

Quindi il contribuente anziché attendere 5 o 10 anni per recuperare l’incentivo, può godere subito dell’agevolazione fiscale.

Questo è possibile perché l’impresa che fornisce l’intervento si fa carico di anticipare al beneficiario, il contributo necessario per coprire le spese, avente diritto all’agevolazione fiscale. L’impresa a sua volta recupera il contributo anticipato sotto forma di credito d’imposta per un importo pari alla detrazione spettante, con facoltà di successiva cessione a terzi.

L’unico aspetto negativo dello sconto in fattura riguarda proprio la disponibilità de fornitori: per alcuni potrebbe rappresentare un immediato problema di liquidità e quindi potrebbero opporsi alla richiesta del committente.

Dunque, è sempre bene verificare la disponibilità del fornitore nell’offrire il servizio di sconto in fattura prima di procedere con l’intervento.

A quali lavori si può applicare lo sconto in fattura?

Lo sconto in fattura può essere applicato a molteplici lavori, o più esattamente, ai diversi incentivi previsti, ovvero:

  1. Bonus Ristrutturazione;
  2. Ecobonus;
  3. Superbonus 110%;
  4. Sismabonus;
  5. Bonus Facciata.

Sono esclusi dallo sconto in fattura il bonus mobili e il bonus verde, mentre sono previsti gli ulteriori interventi di:

  • installazione di impianti fotovoltaici di cui all’articolo 16-bis, comma 1, lettera h) del testo unico delle imposte sui redditi di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, ivi compresi gli interventi di cui ai commi 5 e 6 dell’articolo 119 del presente decreto;
  • installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici di cui all’articolo 16-ter del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90, e di cui al comma 8 dell’articolo 119.

Come funziona lo sconto in fattura per le aziende?

Riassumendo quanto detto, lo sconto in fattura rappresenta la possibilità per privati ed aziende di fruire del credito d’imposta attraverso una decurtazione dell’importo della fattura da pagare al fornitore appunto sotto forma di sconto.

Tale ribasso può variare raggiungere fino il 100% dell’ammontare da corrispondere (questo nel caso del Superbonus dove la maggiorazione del 10% spetta al fornitore).

Il fornitore a sua volta recupera il contributo anticipato sotto forma di credito d’imposta, con la possibilità di cedere tale credito infinite volte.

Per quanto concerne in particolare il Superbonus 110%, la circolare 24/E/2020 ha confermato che lo sconto può essere parziale e il credito maturato dal fornitore per i lavori del Superbonus è pari al 110% dell’importo ribassato. L’importo eccedente, a scelta del beneficiario, sempre maggiorato del 10%, può essere detratto o ceduto.

Ma avvaliamoci di un esempio per capire meglio.

L’azienda beneficiaria sostiene 30.000,00 € di spesa relativa all’intervento di efficienza energetica di cui il 65% viene incentivato dall’Ecobonus.

Il fornitore dell’intervento applica in fattura lo sconto pari al 65%, ovvero di 19.500,00 €, quindi all’azienda beneficiaria resta da pagare 10.500,00 € + Iva al 22% (6.600,00 €) poiché questa per le aziende è detraibile e come tale viene esclusa dall’incentivo.

L‘azienda beneficiaria dell‘intervento potrà quindi procedere al pagamento nella modalità che preferisce. Il nostro consiglio è quello di prediligere il bonifico, citando il decreto legislativo 296/2006 e riportando i codici fiscali del beneficiario e del fornitore.

Sconto in fattura di RiESCo

RiESCo è la Energy Service Company (ESCo), specialista in efficienza energetica e negli incentivi dedicati, come Ecobonus, Superbonus 110%, Certificati Bianchi, Conto Termico 2.0 e Credito d’Imposta per il Mezzogiorno.

Come molti oggi, offriamo il servizio di sconto in fattura ma ci differenziamo sotto un unico aspetto: operiamo sempre liberando il cliente da ogni tipo di rischio economico, finanziario e di funzionamento, trasferendolo su di noi.

Per questa ragione abbiamo consolidato una forte esperienza nel settore dell’efficienza energetica e dei relativi incentivi, vantando ad oggi, il 100% di esiti positivi delle pratiche.

Se pensi che possediamo le caratteristiche che fanno al caso, noi ci siamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This