Il 27 novembre 2018, presso il Palazzo d’Orleans, sede della Presidenza della Regione siciliana, sono stati consegnati con cerimonia ufficiale, i decreti per 120 milioni di euro utili a finanziare gli interventi di efficientamento energetico degli edifici pubblici e delle reti elettriche.

Con queste risorse sarà possibile ammodernare le reti ed efficientare scuole, municipi e simili, non solo…si potrà avviare un vero e proprio cambio di rotta, direzione “energie pulite”.

Proprio così, questi investimenti per la Regione Sicilia, rappresentano un’opportunità incredibile, probabilmente ancora più grande di quello che pensi.

Se vuoi capire la reale valenza di questi interventi, questo articolo potrebbe fare al caso tuo. Capiremo insieme i numeri e tutti i benefici legati a questi decreti, per cui mettiti comodo e buona lettura!

A chi sono destinati?

Come accennato, sono fondi destinati all’efficientamento energetico degli immobili pubblici e delle reti elettriche che andranno ad incrementare la distribuzione dell’energia prodotta da fonti rinnovabili.

Saranno 41, i comuni che potranno beneficiare di questo eccezionale budget.

Le risorse verranno così ripartite: 38,8 milioni per gli immobili pubblici e 43,293 milioni per E- Distribuzione, per la realizzazione di reti intelligenti di distribuzione di energia.

Non solo, verranno finanziati 11 progetti che potenzieranno le reti elettriche e le infrastrutture e che favoriranno la le energie rinnovabili. Inoltre, saranno introdotti apparati con comunicazione digitale e la misurazione intelligente e controllo e monitoraggio come infrastrutture delle città e delle aree perurbane

Due di questi sono in favore di Terna, che realizzerà la stazione elettrica di Vizzini e alla Direttrice Partinico-Partanna.

Queste in particolare serviranno a rafforzare la rete, impedire problemi di sovraccarico, alleggerire i costi di manutenzione e sviluppare, finalmente, la distribuzione di energia pulita.

La grande opportunità per la Sicilia.

Questi decreti come abbiamo detto, porteranno vantaggi enormi all’Isola, che potrà efficientare i propri edifici comunali e le proprie infrastrutture, offrendo ai propri cittadini un servizio più affidabile e al passo con i tempi, in una sola parola: smart.

I cittadini godranno di linee con la più evoluta tecnica di automazione al mondo, in grado di abbattere i tempi di rispristino dai guasti e di massimizzare il contributo delle energie pulite.

Gli edifici pubblici cardine delle comunità, e tra questi le scuole in prima linea, potranno essere efficientati e offrire il servizio che tutti gli italiani meritano, indistintamente dalla regione di appartenenza.

Il modello di energia che decidiamo di adottare condiziona le nostre vite.

Possiamo restare ancorati a superati ed antieconomici modi per produrre, consumare l’energia -disperdendo al contempo tonnellate di CO2 nell’aria- oppure possiamo decidere di spendere meno, avendo di più: strumenti più efficienti ed aria pulita.

Tutti sceglierebbero la seconda, la domanda è: quando?

Dicci la tua lasciando un commento qua sotto, oppure condividilo!